Nel corso delle esplorazioni subacquee effettuate dal catamarano attrezzato Daedalus con il ROV abissale Multipluto, siamo entrati in contatto con le creature che vivono nel mondo marino di profondità.
Uno dei più tipici abitanti dei relitti è il GRONGO, un pesce osseo della famiglia Congridae. Lo si incontra a partire dai – 300 m e fino agli oltre – 1000 m. Il suo tipico aspetto anguilliforme gli consente di annidarsi e scivolare fra le anfore dove si nutre dei gamberoni che proliferano in tale ambiente. Ha un muso allungato e una bocca ampia (che raggiunge il centro dell’occhio) dotata di due file di denti. L’esemplare fotografato ha eletto, a sua dimora, un’anfora Dressel 1 del I secolo a.C., a -730 m.