Relitto Romano di Acitrezza 2016
Copyright Soprintendenza del Mare
Relitto Romano di Acitrezza 2016
Copyright Soprintendenza del Mare
Relitto Romano di Acitrezza 2016
Copyright Soprintendenza del Mare
Relitto Romano di Acitrezza 2016
Copyright Soprintendenza del Mare

Prime ricognizioni  della Soprintendenza del Mare

 

nei siti in cui realizzare percorsi culturali subacquei. Obiettivo: attrarre turismo internazionale

Il progetto Culturas, che prevede la realizzazione di percorsi culturali subacquei in Tunisia (Tabarka, Kerkouane, Pilau) e in Sicilia (Marsala, Pantelleria e S. Vito Lo Capo), è entrato nella fase operativa: la missione italiana in Tunisia ha impegnato l’équipe della Soprintendenza del Mare nelle prime ricognizioni terrestri e prospezioni subacquee nei siti di Kerkouane e Pilau. Il sito di Kerkouane, antica città punica che ne conserva importanti vestigia architettoniche, è stato documentato sia a terra che in mare. Il sito di Pilau, isolotto a poca distanza dalla città di Raf Raf e non lontano dal porto di Ghar el Melh, ha rivelato numerose emergenze archeologiche subacquee di notevole interesse: ancore litiche e plumbee, anfore di diversa tipologia e lingotti in piombo potranno costituire, insieme al variegato paesaggio marino e la ricca flora e fauna, un interessante punto di immersione che potrà attrarre il turismo subacqueo internazionale.

Il gruppo di lavoro, guidato dal Soprintendente Sebastiano Tusa e composto da Roberto La Rocca, Pietro Selvaggio, Floriana Agneto, Salvatore Emma e Aurelio Vaccaro ha effettuato insieme alla archeologa tunisina Ouafe ben Slimane dell’Institut National du Patrimoine, un’attenta verifica dei siti segnalati per la realizzazione di itinerari archeologici subacquei.

La missione è stata realizzata con il supporto logistico dell’imbarcazione “Titan” della Teknomar, che ha realizzato con il comandante Gaetano Donnabella ed il tecnico Calogero Magro una survey strumentale con side scan sonar.

A bordo sono stati costantemente presenti, oltre l’archeologa Ouafe ben Slimane che si è immersa insieme ai subacquei della Soprintendenza del Mare, il capitano Wael Bedoui,  idrografo della Marina Nazionale tunisina; Slim Medimegh, subacqueo professionista e segnalatore dei siti; Meriem Mastouri, coordinatrice tecnico-scientifica; Saifallah Affana, dottorando.

Il partner tunisino Sami Gharbi dell’Office National du Tourisme Tunisien ha fatto visita alla missione durante il soggiorno a Ghar el Melh, dove ha avuto luogo una riunione che ha messo a fuoco lo stato di avanzamento dei lavori dell’altra metà del progetto, quella riguardante i percorsi ciclabili, per il quale sono in corso sopralluoghi per la viabilità stradale.

L’ottima intesa tra l’équipe italiana e quella tunisina ha permesso di svolgere un proficuo lavoro, gettando solide basi per il prosieguo del progetto che continuerà nel mese di aprile con lo studio del terzo sito, Tabarka, e la messa in opera dei percorsi culturali subacquei in Tunisia.

Dichiarazione di Sebastiano Tusa, Soprintendente del Mare

 

Il progetto Cul.tur.as Italia-Tunisia che sta impegnando l’équipe della Soprintendenza del Mare ha l’obiettivo di ricercare nuovi modelli per la valorizzazione del patrimonio archeologico attraverso la sperimentazione di un progetto-pilota che coinvolge lo sviluppo e fruizione del patrimonio culturale con la specializzazione del sistema di offerta turistica transfrontaliera. Obiettivo sono la creazione di nuovi itinerari archeologici subacquei, l’aumento del livello di conoscenza degli operatori locali e della sensibilità della popolazione sulla protezione dei siti archeologici, il rafforzamento della cooperazione e sinergia tra i partner locali e transfrontalieri, in ottemperanza dei principi sanciti dalla Convenzione Unesco sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo.

Share This

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.